venerdì 3 maggio 2013

La Lame Erranti.


Pur essendo un luogo estremamente spiacevole da visitare,  l’immenso deserto di Er’el Atant’ar, “il Martello del Sole”, che si estende in quello che l’Impero chiama Vhâcondàr, il “paese vuoto”, ospita meraviglie della natura che difficilmente si possono trovare altrove. Tra le più sorprendenti vi sono certamente le “Lame Erranti” che io ho incontrato diverse volte durante le mie missioni come scout imperiale. Si tratta di enormi rocce piatte di pietra nera, lucida e dai bordi taglienti, che fluttuano a mezz’aria a volte da sole, a volte in larghi gruppi. Hanno l’aspetto di vele nere rovesciate e, la prima volta che le vidi in lontananza, le presi per i Carri della Sabbia delle feroci popolazioni nomadi che fanno la spola tra le oasi che punteggiano il deserto. Nessuno, in tutto  l'Er’el Atant’ar, sa come si siano formate o da dove vengano e nessuno sa quale magia le faccia fluttuare e spostarsi lungo itinerari che mutano continuamente, secondo i capricci dei khame. Esse si muovono pigre attraverso il deserto piatto e roccioso, evitando le grandi distese delle dune di sabbia, mosse da forze misteriose che si celano nella profondità della terra. Con i loro vertici appuntiti solcano leggere la terra,  tracciando interminabili linee sinuose che si intrecciano tra loro e creano dei fantastici disegni  sul terreno. Accade a volte, senza alcun preavviso, spesso quando si sono radunate in grande numero,  che esse prendano velocità e sfreccino tutte in un’unica direzione, facendo fischiare l’aria e producendo un suono udibile a decine di miglia di distanza. Quando le Lame corrono, dicono gli abitanti del deserto, nessuno osa sbarrare loro il passo. Si narra che l’antica civiltà dei Re della Sabbia sia crollata quando la loro capitale, la leggendaria Er’al Sauant’al, “la Sposa del Sole”, venne rasa al suolo in una sola notte dal passaggio di un numero incalcolabile di Lame lanciate in una cieca e furiosa corsa verso il nulla. Non so se quella storia sia vera o solo leggenda, ma io ebbi la mia personale esperienza del devastante passaggio delle Lame durante un bivacco notturno, sull’altopiano roccioso a sud dell’Ir’Elerki. Fui svegliato dal suono delle lame che fendevano l’aria, le sentii arrivare molto prima di riuscire a vederle; il fischio che producevano avanzando nell’oscurità era terrificante e per un momento mi ricordò il terribile stridio del Legno dei Guerrieri, il flauto che i Figli di Olhim suonano prima di lanciarsi in battaglia, per seminare il panico tra le file nemiche. La mia guida ed io avemmo appena il tempo di trascinarci con le nostre cavalcature su un’alta duna di sabbia, dove saremmo stati al sicuro; le Lame sbucarono dall’oscurità sfrecciando sotto i nostri occhi a una velocità stupefacente. Non ho idea di quante fossero quelle figure nere che mi correvano davanti, a me sembrarono centinaia; centinaia di gigantesche lame nere illuminate solo dal debole chiarore delle stelle. Il loro passaggio fu breve, pochi minuti che a me parvero eterni. Mentre osservavo attonito la devastazione della loro corsa, pensai che la leggenda della caduta di Er’al Sauant’al avrebbe anche potuto essere vera e mi sorpresi a cercare di immaginare il cieco terrore degli abitanti della “Sposa del Sole” durante quella terribile notte, in cui i khame vollero lanciare le Lame contro la  città addormentata.

9 commenti:

  1. In una parola: spettacolari!
    Ricordano molto le pietre moventi nella Death Valley in California (ho indovinato la fonte d'ispirazione?).

    Splendida idea, davvero!

    RispondiElimina
  2. Sono entusiasta all'idea di vedere una serie Fantasy di Bonelli.
    Custodirò un anno i primi 12 albi per leggerli poi tutti insieme e non essere così influenzato da una visione parziale del progetto.
    Ho però visto la prima copia del n.1. e la sigla SBF sulla costa dell'albo è bruttissima. La rovina completamente.

    Ciao
    Filippo Renga

    RispondiElimina
  3. Bellissimo questo blog!
    Io sono qui per aver letto un articolo su Dragonero scritto dal Moro, blogger che seguo. Questo il link del suo blog:
    http://storiedabirreria.blogspot.it/

    Bellissime le Lame Erranti!
    Vorrei averle inventate io!

    Saludos!

    RispondiElimina
  4. oserei dire:"finalmente";quando fu pubblicato il romanzo fui tentato di scrivervi per sollecitare una serie regolare, non sapendo che in realtà stavate già provvedendo da voi!!!
    Da grande lettore dei fumetti Bonelli posso dire che questa serie ha risvegliato in me delle sensazioni meravigliose e se scrivo soltanto adesso e perchè non ero a conoscenza del post ma da oggi lo frequenterò con continuità.
    Grazie

    RispondiElimina
  5. In questo fumetto è tutto molto bello, ma gli albi mensili dovrebbero essere un po' più lunghi perchè finisci subito di leggerli e non riesci ad aspettare un mese!!!!!

    RispondiElimina
  6. Eccomi qui, ho comprato il primo numero e adesso ho scoperto dell'esistenza del blog...grandissima idea e davvero ben curata!!!

    RispondiElimina
  7. Ho finito ieri di leggere il terzo numero. Ben scritti e ben disegnati (pazienza per i cavalli..) Un buon ricostituente per la nostra fantasia troppo spesso inaridita dalla realtà di tutti i giorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  8. Bellissimo blog,appena scoperto venendo da un'altro.La fantasia qui sta di casa!!Ogni tanto ci vuole per liberarsi dai problemi quotidiani!Penso che lo seguirò!!Complimenti all'autore!

    RispondiElimina